Tue, February 28, 2023

Il guadagno di tempo nei test, la macchina di Alonso è molto in alto

I test di pre-stagione sono l’unico termometro per valutare il potenziale delle squadre della griglia di Formula 1 prima dell’inizio del Campionato del Mondo 2023 sul circuito di Sakhir questo fine settimana. Quindi, le informazioni ottenute in quei tre giorni di test sono gli strumenti con cui creare un primo quadro della situazione.

È vero che durante la pre-stagione le squadre non rivelano le loro carte, tanto che alcune possono presentare una vettura notevolmente diversa durante il weekend del Gran Premio. Altre giocano con il carico di carburante, utilizzano mappe motore diverse che rendono i dati non realmente comparabili o non vanno al massimo durante tutto il giro per nascondere le loro prestazioni. Anche il momento della giornata in cui effettuano i loro giri veloci o le simulazioni di gara possono distorcere la realtà.

Aston Martin impressiona di più

Tuttavia, c’è una cosa su cui tutti sono d’accordo: Aston Martin è la squadra, insieme a Red Bull, che ha impressionato di più tra le dieci che si contenderanno il Campionato del Mondo di F1 2023. La squadra britannica, settima nel campionato passato (a pari merito con Alfa Romeo), sembra aver fatto uno dei passi avanti più grandi in questo inverno, a giudicare dai loro migliori tempi nei test rispetto al 2022.

La stessa Formula 1 afferma che Aston Martin è, insieme a Williams, la squadra che più si è migliorata. Nientemeno che 2,371 secondi contro i 2,378 del leggendario team di Grove. Questa differenza è così specifica perché si riferisce al miglior tempo tra il 2022 e il 2023 nella stessa settimana di test.

È molto logico che squadre come quella di Fernando Alonso o la stessa Williams, che lo scorso anno erano in coda alla griglia (specialmente all’inizio della stagione), siano quelle che hanno mostrato il maggiore margine di miglioramento, poiché partono da un livello più basso. Ma nel caso di Aston Martin, inoltre, si verifica la circostanza che è stata costantemente veloce durante i tre giorni di prova. Ed è questo che ha impressionato tutto il paddock.

Una grande parte, circa 1,4 secondi, proviene dai nuovi composti di Pirelli sulla singola volta, secondo quanto sostiene il loro direttore sportivo, Mario Isola. In questo punto è necessario prendere con le pinze l’autopromozione dell’azienda milanese, poiché Ferrari avrebbe perso 0,1 secondi rispetto al 2022 e persino Red Bull sarebbe rimasta senza alcun progresso durante tutto il 2022 e l’inverno, qualcosa che non è sostenibile.

Chi si sta nascondendo?

Questi dati, come tutte le conclusioni riguardanti i numeri dei test di pre-stagione, vanno presi con le pinze, poiché ad esempio l’anno scorso la Ferrari era più di un secondo più veloce durante i test rispetto al fine settimana di gara. In altre parole, stavano nascondendo il loro vero potenziale. Quest’anno, secondo quanto si dice, non avrebbero nascosto tanto potenziale, anche se bisognerà vedere nella Q3 di sabato.

Per questo motivo, la F1 ha anche raccolto i tempi veloci di ogni team per mostrare che probabilmente qualcuno sta facendo il “sandbagging”, il concetto utilizzato nel motorsport per esprimere che un’auto non sta dando il massimo per confondere i propri rivali.

“Chi si sta nascondendo?”, si chiede la F1. Guardando i dati, sembra piuttosto chiaro che sospettino della Alpine, il quarto team nella classifica dei costruttori che, tuttavia, ha segnato il peggior tempo a quasi due secondi e mezzo di distanza dal riferimento di Red Bull. Il team francese, secondo il grafico precedente, è stato l’unico che non ha migliorato rispetto al 2022… Sospetto, senza dubbio.

Il miglior giro di Checo Pérez con il C4 (simulazione di qualificazione), del sabato, è stato in un momento migliore della pista rispetto a quello di Alonso e Sainz, con meno temperatura sull’asfalto, perché era più notte. In questo punto, il carico di carburante e l’ora di ogni tentativo in ogni squadra, influenzano i risultati finali. È una buona occhiata a ciò che è successo da un anno all’altro, ma niente di conclusivo, ovviamente.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

I test di pre-stagione sono l’unico termometro per valutare il potenziale delle squadre della griglia di Formula 1 prima dell’inizio del Campionato del Mondo 2023 sul circuito di Sakhir questo fine settimana. Quindi, le informazioni ottenute in quei tre giorni di test sono gli strumenti con cui creare un primo quadro della situazione.

I migliori siti di gioco d'azzardo online in Italia

10.0
#1 IN ITALIA
Gioco Digitale
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin Book of Ra + 100% fino a 500€ + 300 Free Spin
9.8
PIÙ POPOLARE
888
OFFERTA DI BENVENUTO
20€ Bonus Gratis + 500€ Bonus Benvenuto
9.7
LIBRO SPORTIVO DELL'ANNO
Bwin
OFFERTA DI BENVENUTO
Bonus 100% fino a 200€
9.7
Eurobet
OFFERTA DI BENVENUTO
300 Free Spin + Bonus 1.315€
9.5
LeoVegas
OFFERTA DI BENVENUTO
225 Free Spin + fino a 1.000€ Bonus
9.4
Betway
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin + 100% fino a 500€ + 200 Free Spin Extra

Aston Martin impressiona di più

Tuttavia, c’è una cosa su cui tutti sono d’accordo: Aston Martin è la squadra, insieme a Red Bull, che ha impressionato di più tra le dieci che si contenderanno il Campionato del Mondo di F1 2023. La squadra britannica, settima nel campionato passato (a pari merito con Alfa Romeo), sembra aver fatto uno dei passi avanti più grandi in questo inverno, a giudicare dai loro migliori tempi nei test rispetto al 2022.

La stessa Formula 1 afferma che Aston Martin è, insieme a Williams, la squadra che più si è migliorata. Nientemeno che 2,371 secondi contro i 2,378 del leggendario team di Grove. Questa differenza è così specifica perché si riferisce al miglior tempo tra il 2022 e il 2023 nella stessa settimana di test.

È molto logico che squadre come quella di Fernando Alonso o la stessa Williams, che lo scorso anno erano in coda alla griglia (specialmente all’inizio della stagione), siano quelle che hanno mostrato il maggiore margine di miglioramento, poiché partono da un livello più basso. Ma nel caso di Aston Martin, inoltre, si verifica la circostanza che è stata costantemente veloce durante i tre giorni di prova. Ed è questo che ha impressionato tutto il paddock.

Una grande parte, circa 1,4 secondi, proviene dai nuovi composti di Pirelli sulla singola volta, secondo quanto sostiene il loro direttore sportivo, Mario Isola. In questo punto è necessario prendere con le pinze l’autopromozione dell’azienda milanese, poiché Ferrari avrebbe perso 0,1 secondi rispetto al 2022 e persino Red Bull sarebbe rimasta senza alcun progresso durante tutto il 2022 e l’inverno, qualcosa che non è sostenibile.

Chi si sta nascondendo?

Questi dati, come tutte le conclusioni riguardanti i numeri dei test di pre-stagione, vanno presi con le pinze, poiché ad esempio l’anno scorso la Ferrari era più di un secondo più veloce durante i test rispetto al fine settimana di gara. In altre parole, stavano nascondendo il loro vero potenziale. Quest’anno, secondo quanto si dice, non avrebbero nascosto tanto potenziale, anche se bisognerà vedere nella Q3 di sabato.

Per questo motivo, la F1 ha anche raccolto i tempi veloci di ogni team per mostrare che probabilmente qualcuno sta facendo il “sandbagging”, il concetto utilizzato nel motorsport per esprimere che un’auto non sta dando il massimo per confondere i propri rivali.

“Chi si sta nascondendo?”, si chiede la F1. Guardando i dati, sembra piuttosto chiaro che sospettino della Alpine, il quarto team nella classifica dei costruttori che, tuttavia, ha segnato il peggior tempo a quasi due secondi e mezzo di distanza dal riferimento di Red Bull. Il team francese, secondo il grafico precedente, è stato l’unico che non ha migliorato rispetto al 2022… Sospetto, senza dubbio.

Il miglior giro di Checo Pérez con il C4 (simulazione di qualificazione), del sabato, è stato in un momento migliore della pista rispetto a quello di Alonso e Sainz, con meno temperatura sull’asfalto, perché era più notte. In questo punto, il carico di carburante e l’ora di ogni tentativo in ogni squadra, influenzano i risultati finali. È una buona occhiata a ciò che è successo da un anno all’altro, ma niente di conclusivo, ovviamente.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Le Migliore Offerte
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin Book of Ra + 100% fino a 500€ + 300 Free Spin
10.0
OFFERTA DI BENVENUTO
20€ Bonus Gratis + 500€ Bonus Benvenuto
9.8
OFFERTA DI BENVENUTO
300 Free Spin + Bonus 1.315€
9.7
OFFERTA DI BENVENUTO
Bonus 100% fino a 200€
9.7
OFFERTA DI BENVENUTO
225 Free Spin + fino a 1.000€ Bonus
9.5
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin + 100% fino a 500€ + 200 Free Spin Extra
9.4
 
Notizie correlate
Le Migliore Offerte
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin Book of Ra + 100% fino a 500€ + 300 Free Spin
10.0
OFFERTA DI BENVENUTO
20€ Bonus Gratis + 500€ Bonus Benvenuto
9.8
OFFERTA DI BENVENUTO
300 Free Spin + Bonus 1.315€
9.7
OFFERTA DI BENVENUTO
Bonus 100% fino a 200€
9.7
OFFERTA DI BENVENUTO
225 Free Spin + fino a 1.000€ Bonus
9.5
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin + 100% fino a 500€ + 200 Free Spin Extra
9.4
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com