Fri, February 17, 2023

Juventus 1 – Nantes 1: Reazione Iniziale e Osservazioni Casuali

Nelle ultime 180 minuti, la Juventus ha giocato con il fuoco più di quanto chiunque vorrebbe vedere. Un vantaggio di 1-0 è sempre prezioso ai giorni nostri per la Juve, ma lo è ancora di più quando le tue tattiche sono molto orientate al lato conservativo o sei semplicemente sfortunato quando sei davanti alla porta.

E cosa succede quando la tua squadra rallenta il ritmo e non riesce a concludere le occasioni?

Beh, potremmo benissimo guardare la partita della Juventus giovedì sera come esempio lampante.

La Juventus si è portata in vantaggio al 13 ° minuto grazie a un brillante gol di squadra che ha visto tutti e tre i membri del tridente DVC combinare in un modo o nell’altro e sembrava potenzialmente diretta verso una grande vittoria su un Nantes completamente non impressionante. Ma è lì che sono rimaste le cose per quanto riguarda la Juve che trova la via del gol. E, come tende ad accadere quando la squadra bianconera ha un vantaggio di 1-0, le cose possono andare storte – e così è stato. Un contropiede da una parte all’altra del campo del Nantes più una chiamata VAR su un possibile fallo di mano nei minuti di recupero del secondo tempo che ha fatto di nuovo chiedere alle persone che cavolo sta succedendo con questo tipo di tecnologia ha fatto sì che la Juventus si diriga in Francia a testa alta 1-1 nel punteggio complessivo e abbia bisogno di una vittoria per continuare il suo viaggio in Europa League.

Come abbiamo detto nel podcast di questa settimana, l’ultima cosa di cui la Juve ha bisogno è di dare al Nantes qualche speranza in vista del secondo turno della prossima settimana e correre il rischio che accada anche più stupidità con la qualificazione in gioco.

La colpa è di Max Allegri. È colpa dei giocatori per non essere riusciti a segnare più di un gol in una serata in cui avrebbero dovuto mettere al tappeto il Nantes quando la squadra francese era in difficoltà nel primo tempo. È colpa della palla che non ha varcato la linea quando Federico Chiesa ha colpito un tiro sulla traversa e poi sul palo un millisecondo dopo. È colpa degli arbitri e della sala VAR. È colpa di praticamente tutti quelli coinvolti in questa partita perché non c’è una singola persona da incolpare per questo.

Sia Allegri che Danilo hanno detto la stessa cosa dopo il fischio finale: la Juventus ha iniziato bene, poi ha rallentato prima di riprendersi dopo che il Nantes ha pareggiato. E questo è il problema più grande che emerge da questo risultato. La Juve avrebbe dovuto segnare più di un gol dopo l’apertura del punteggio di Vlahovic. Tuttavia, non l’hanno fatto. Questo è in parte dovuto a una certa inefficacia davanti alla porta. È anche dovuto al fatto di aver rallentato il gioco e di non aver mantenuto il piede sull’acceleratore dopo aver preso il vantaggio di 1-0.

In pratica, ecco come si sono svolti i numeri:

La Juventus ha segnato al 13esimo minuto.

Il Nantes ha segnato al 63esimo minuto.

In quei 50 minuti tra un gol e l’altro, la Juventus ha avuto solo cinque tiri. Cinque!

Alcune di quelle occasioni erano migliori di altre. Ma non riuscire a segnare un secondo gol e aumentare il divario con il Nantes invece di farli rimanere in partita si è rivelato un errore fatale per la Juve. (In pratica la stessa cosa che è successa lo scorso weekend contro la Fiorentina, con solo il VAR a salvare la squadra di Allegri.)

In sintesi, quello che sto cercando di dire è che con il modo in cui si è sviluppata la prima metà, la Juventus non avrebbe dovuto aspettarsi di dover fare affidamento su una chiamata di rigore nel recupero che non è mai arrivata per segnare il gol della vittoria. Questa era una partita che avrebbero dovuto chiudere molto prima. Invece, i vecchi problemi sono tornati a tormentare la Juventus ancora una volta.

Lo abbiamo detto prima e lo ripeteremo ancora: questa edizione della Juventus non ha i margini di superiorità per permettersi gli errori che la squadra commette. Sono il loro peggior nemico a volte e questo significa che hanno pochissimo margine di errore.

Come abbiamo scoperto giovedì sera, quel margine di errore si riduce a un solo potente contropiede che nessuno è stato in grado di fermare. A causa di questo, la Juve si dirige in Francia la prossima settimana con tutto ancora in gioco per l’Europa League.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nelle ultime 180 minuti, la Juventus ha giocato con il fuoco più di quanto chiunque vorrebbe vedere. Un vantaggio di 1-0 è sempre prezioso ai giorni nostri per la Juve, ma lo è ancora di più quando le tue tattiche sono molto orientate al lato conservativo o sei semplicemente sfortunato quando sei davanti alla porta.

I migliori siti di gioco d'azzardo online in Italia

10.0
#1 IN ITALIA
Gioco Digitale
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin Book of Ra + 100% fino a 500€ + 300 Free Spin
9.8
PIÙ POPOLARE
888
OFFERTA DI BENVENUTO
20€ Bonus Gratis + 500€ Bonus Benvenuto
9.7
LIBRO SPORTIVO DELL'ANNO
Bwin
OFFERTA DI BENVENUTO
Bonus 100% fino a 200€
9.7
Eurobet
OFFERTA DI BENVENUTO
300 Free Spin + Bonus 1.315€
9.5
LeoVegas
OFFERTA DI BENVENUTO
225 Free Spin + fino a 1.000€ Bonus
9.4
Betway
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin + 100% fino a 500€ + 200 Free Spin Extra

Beh, potremmo benissimo guardare la partita della Juventus giovedì sera come esempio lampante.

La Juventus si è portata in vantaggio al 13 ° minuto grazie a un brillante gol di squadra che ha visto tutti e tre i membri del tridente DVC combinare in un modo o nell’altro e sembrava potenzialmente diretta verso una grande vittoria su un Nantes completamente non impressionante. Ma è lì che sono rimaste le cose per quanto riguarda la Juve che trova la via del gol. E, come tende ad accadere quando la squadra bianconera ha un vantaggio di 1-0, le cose possono andare storte – e così è stato. Un contropiede da una parte all’altra del campo del Nantes più una chiamata VAR su un possibile fallo di mano nei minuti di recupero del secondo tempo che ha fatto di nuovo chiedere alle persone che cavolo sta succedendo con questo tipo di tecnologia ha fatto sì che la Juventus si diriga in Francia a testa alta 1-1 nel punteggio complessivo e abbia bisogno di una vittoria per continuare il suo viaggio in Europa League.

Come abbiamo detto nel podcast di questa settimana, l’ultima cosa di cui la Juve ha bisogno è di dare al Nantes qualche speranza in vista del secondo turno della prossima settimana e correre il rischio che accada anche più stupidità con la qualificazione in gioco.

La colpa è di Max Allegri. È colpa dei giocatori per non essere riusciti a segnare più di un gol in una serata in cui avrebbero dovuto mettere al tappeto il Nantes quando la squadra francese era in difficoltà nel primo tempo. È colpa della palla che non ha varcato la linea quando Federico Chiesa ha colpito un tiro sulla traversa e poi sul palo un millisecondo dopo. È colpa degli arbitri e della sala VAR. È colpa di praticamente tutti quelli coinvolti in questa partita perché non c’è una singola persona da incolpare per questo.

Sia Allegri che Danilo hanno detto la stessa cosa dopo il fischio finale: la Juventus ha iniziato bene, poi ha rallentato prima di riprendersi dopo che il Nantes ha pareggiato. E questo è il problema più grande che emerge da questo risultato. La Juve avrebbe dovuto segnare più di un gol dopo l’apertura del punteggio di Vlahovic. Tuttavia, non l’hanno fatto. Questo è in parte dovuto a una certa inefficacia davanti alla porta. È anche dovuto al fatto di aver rallentato il gioco e di non aver mantenuto il piede sull’acceleratore dopo aver preso il vantaggio di 1-0.

In pratica, ecco come si sono svolti i numeri:

La Juventus ha segnato al 13esimo minuto.

Il Nantes ha segnato al 63esimo minuto.

In quei 50 minuti tra un gol e l’altro, la Juventus ha avuto solo cinque tiri. Cinque!

Alcune di quelle occasioni erano migliori di altre. Ma non riuscire a segnare un secondo gol e aumentare il divario con il Nantes invece di farli rimanere in partita si è rivelato un errore fatale per la Juve. (In pratica la stessa cosa che è successa lo scorso weekend contro la Fiorentina, con solo il VAR a salvare la squadra di Allegri.)

In sintesi, quello che sto cercando di dire è che con il modo in cui si è sviluppata la prima metà, la Juventus non avrebbe dovuto aspettarsi di dover fare affidamento su una chiamata di rigore nel recupero che non è mai arrivata per segnare il gol della vittoria. Questa era una partita che avrebbero dovuto chiudere molto prima. Invece, i vecchi problemi sono tornati a tormentare la Juventus ancora una volta.

Lo abbiamo detto prima e lo ripeteremo ancora: questa edizione della Juventus non ha i margini di superiorità per permettersi gli errori che la squadra commette. Sono il loro peggior nemico a volte e questo significa che hanno pochissimo margine di errore.

Come abbiamo scoperto giovedì sera, quel margine di errore si riduce a un solo potente contropiede che nessuno è stato in grado di fermare. A causa di questo, la Juve si dirige in Francia la prossima settimana con tutto ancora in gioco per l’Europa League.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Le Migliore Offerte
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin Book of Ra + 100% fino a 500€ + 300 Free Spin
10.0
OFFERTA DI BENVENUTO
20€ Bonus Gratis + 500€ Bonus Benvenuto
9.8
OFFERTA DI BENVENUTO
Bonus 100% fino a 200€
9.7
OFFERTA DI BENVENUTO
300 Free Spin + Bonus 1.315€
9.7
OFFERTA DI BENVENUTO
225 Free Spin + fino a 1.000€ Bonus
9.5
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin + 100% fino a 500€ + 200 Free Spin Extra
9.4
 
Notizie correlate
Le Migliore Offerte
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin Book of Ra + 100% fino a 500€ + 300 Free Spin
10.0
OFFERTA DI BENVENUTO
20€ Bonus Gratis + 500€ Bonus Benvenuto
9.8
OFFERTA DI BENVENUTO
Bonus 100% fino a 200€
9.7
OFFERTA DI BENVENUTO
300 Free Spin + Bonus 1.315€
9.7
OFFERTA DI BENVENUTO
225 Free Spin + fino a 1.000€ Bonus
9.5
OFFERTA DI BENVENUTO
50 Free Spin + 100% fino a 500€ + 200 Free Spin Extra
9.4
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com